Iscriviti alla Newsletter

marzo: 2015
L M M G V S D
« Feb   Mag »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Archivi del mese: marzo 2015

Lettera inviata al management della locale ASP sull’Appropriatezza Prescrittiva

Al Direttore Sanitario Aziendale

Ai Direttori dei Distretti

Oggetto: appropriatezza prescrittiva.

Esimi Direttori,

questa Organizzazione Sindacale a seguito di numerose segnalazioni da parte dei propri iscritti -Medici convenzionati con il SSN per la Medicina Generale –  relativamente alla ricezione da parte della competente Commissione sulla Appropriatezza prescrittiva, di elenchi nominativi di pazienti a cui è sarebbero  stati prescritti particolari categorie di farmaci, con l’invito a presentarsi per giustificare o esplicitare le cause e modalità prescrittive fa presente quanto segue:

-le note e gli elenchi per come formulate sono molto  generici e non presentano alcuna possibilità documentale e interpretativa relativamente a quanto contestato;

-le prescrizione terapeutiche  effettuate dai  Medici di Medicina Generale ,  si riferiscono presumibilmente  a date e periodi  non recenti e quindi molto  tardive e  difficili da reperire, perchè non presenti in archivio e quindi senza possibilità alcuna di verifica da parte del medico, impossibilitato a esplicitare le causalità prescrittive per come richiesto dalla Commissione.

Questa Organizazione pertanto a seguito di tale illogica e immotivata convocazione dei Medici di Medicina Generale ritiene  che  la modalità operativa di indirizzo , verifica e controllo  di detta Commissione debba tenere conto dei veri problemi e cause che determinano a volte delle modalità prescrittive incogrue, e non appropriate evitando di creare  allarmismi , minacce di rivalsa con trattenute economiche sulla busta paga e confusione con inutile perdita di tempo da parte dei nostri iscritti.

A nostro avviso la causa e la motivazione  principale che fuorvia dalla reale attività prescrittiva del Medico di Medicina Generale e che lo addita come iperprescritore, o nell’eufemismo più edulcorato di debordare  dalle medie  aziendali o regionali di riferimento (sic) è rappresentato  dalla prescrizione indotta.

Per tale probematica in più occasioni i nostri rappresentanti in seno all’Ucad e alle Commissioni sulla Appropriatezza Prescrittiva  hanno evidenziato come una percentuale  rilevante delle prescrizioni siano indotte e suggerite da altri prescrittori (Medici Ospedalieri, Specialisti ambulatoriali, Emergenza Urgenza) e in molti casi senza tenere conto delle note AIFa e delle  modalità prescrittive sia formali che appropriate.

Altra e non secondaria problematica , anche questa segnalata nelle sedi distrettuali è relativa alla mancata consegna del primo ciclo di terapia in  concomitanza alle dimissioni ospedaliere o nella mancata consegna dei farmaci  da parte della  Farmacia Ospedaliera o territoriale di competenza.

Ulteriore  difficoltà che ingenera discrepanze prescrittive è determinata  dalla mancata apposizione da parte del  medico prescrittore della sua posizione funzionale e del numero di iscrizione  all’Ordine , necessaria al Medico di Medicina Generale nella susseguente attività prescrittiva relativamente  alle classi di farmaci (sartani e statine e inibitori di pompa  acida)  per continuità terapeutica o per adattamento terapeutico.

Sono queste le numerose  criticità che il medico di medicina generale deve continuamente affrontare; criticità, ostacoli e impedimenti non facilmente risolvibili e con ricadute anche sulla appropriatezza cui anche se incolpevole deve giustificare.

I nostri rappresentanti nelle sedi appropriate hanno più volte richiesto, ma finora senza esito , un incontro con  SV e I Direttori di Dipartimento Ospedalieri per affrontare congiuntamente queste problematiche e porvi rimedio.

Pertanto relativamente a quanto in oggetto questa Organizzazione maggiormente rappresentativa dei Medici di Medicina generale  nel rilasciare queste considerazioni frutto di continue analisi e ampiamente dibattitute condivise  in un ottica di collaborazione, ritiene che queste note, tabelle, elenchi, disposizioni sulla appropriatezza  debbano essere inviate e in tempo reale a che si  possa,  senza coercizione ma in clima di collaborazione,  affrontare e risolvere eventuali problematiche  o inappropriatezze  a carico del Medico di Medicina Generale.

A chiusura di questa nostra nota ci auguriamo che venga rivista la procedura finora adottata e offriamo  ad ogni  organismo aziendale   la  disponibilità per affrontare e risolvere in maniera esaustiva, proficua  e funzionale molte di queste problematiche.

Offriamo anche a Lei la medesima disponibilità, in ogni circostanza, tempo e luogo che ritiene utile e produttivo  per le questioni legate   all’appropriatezza prescrittiva e non solo ma ad ogni problematica che veda coinvolta la Medicina generale

Distinti saluti

Il Segretario Provinciale

FIMMG Vibo Valentia

Dr. Nazzareno Brissa

Risolto contenzioso su “Responsabilità prescrittiva del medico di medicina generale — recupero importo Tickets per erroneità nell’esenzione dei beneficiari”

Con vivo orgoglio comunichiamo nostra vittoria in merito all’oggetto riportando la circolare pervenuta dalla Regione Calabria:

Ai Commissari AASSPP

LORO SEDI

Oggetto: Chiarimenti in ordine alla comunicazione prot. 329493 del 20 ottobre 2014 del Commissario ad acta.

Con riferimento alla comunicazione del Legale della FIMMC di Vibo Valentia, Avv. Domenico Servello, dell’8/1/2015, avente ad oggetto: “Responsabilità prescrittiva del medico di medicina generale — recupero importo Tickets per erroneità nell’esenzione dei beneficiari”, dove, in nome e per conto del sindacato suindicato, invita e diffida l’ASP di Vibo Valentia a procedere all’annunciato recupero a carico della retribuzione dei MMG- incardinati presso la stessa e a restituire quanto già trattenuto per il medesimo titolo mediante addebito sulla prima mensilità utile.

Sentite le parti, considerato che l’ASP di Vibo Valentia per le succitate trattenute fa riferimento alla nota regionale del 20/10/2014 n’ 329493 del. Commissario Ad Acta per il piano di rientro, si precisa che  ” …………………….  per il recupero, o loro carico, della quota relativa ai Tickets non corrisposti degli assistiti…..” deve intendersi nel senso che il recupero deve essere operato direttamente nei confronti degli assistiti non aventi diritto all’esenzione.

Tanto si comunica al fine di dissipare dubbi interpretativi emersi in alcune Aziende Sanitarie della Regione in ordine all’applicazione della suddetta comunicazione. Le Aziende Sanitarie che per errore interpretativo avessero eventualmente trattenuto direttamente somme, dagli emolumenti spettanti ai. M.MG, tenuto conto dell’assenza di norme. che prevedono tale facoltà per l’Amministrazione Sanitaria senza previa sentenza della Corte dei Conti, sono tenute a provvedere ad integrale restituzione delle somme erroneamente trattenute.

Il Dirigente del Servizio

Scarica la missiva originale

Incontro su modalità di rinnovo delle esenzioni ticket

Si comunica che in data Martedì 24 Marzo 2015 ore 14,30 presso l’Ordine dei Medici si terrà un incontro rivolto a tutti i Medici di Medicina Generale durante il quale verranno chiarite le modalità di rinnovo delle esenzioni ticket.

Il Segretario

Dr. Reno Brissa