Iscriviti alla Newsletter

aprile: 2013
L M M G V S D
« Mar   Mag »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Archivi del mese: aprile 2013

Avviso pubblico per l’iscrizione nell’albo dei coordinatori dei Corsi di formazione specifica in medicina generale

Si comunica per gli eventuali interessati che sul BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA del 19/04/2013 Parte III n. 16 sono stati pubblicati

il DECRETO n. 3300 del 5 marzo 2013

 l’Avviso pubblico per l’iscrizione nell’albo dei coordinatori delle attività pratiche e delle attività teoriche-seminariali – Corsi di formazione specifica in medicina generale

ed il DECRETO n. 4538 del 25 marzo 2013

Integrazione albo regionale dei medici addetti all’attività tutoriale. Approvazione avviso pubblico.

relativi al  D.Lgs. 17 agosto 1999, n. 368 e successive modifiche ed intergrazioni – Corsi di Foprmazione Specifica in Medicina Generale 

Scarica l’avviso pubblicato sul  BUR Calabria

Rinvio Assemblea Straordinaria del 22 Aprile 2013 degli Iscritti alla FIMMG di Vibo Valentia

Si comunica a tutti gli Iscritti alla FIMMG di Vibo Valentia che per sopraggiunti impegni istituzionali (convocazione a Catanzaro) l’Assemblea Straordinaria degli iscritti alla FIMMG di Vibo Valentia che era stata convocata per Lunedì 22 Aprile 2013 dalle ore 17.30 presso la sede dell’Ordine e’ rinviata a data da destinarsi che si comunicherà’ stesso mezzo appena possibile dal momento che per le comunicazioni urgenti che devono essere  fornirte e’ auspicabile una partecipazione massiva e compatta.
Il Segretario Provinciale
Dott. Nazzareno Brissa

Richiesta adesione deframmentazione Ricetta tra Tropea – Vibo Valentia e Serra San Bruno

Chiunque fosse interessato, a titolo gratuito, a partecipaere alla deframmentazione della Ricetta tra Tropea, Vibo Valentia e Serra San Bruno, è pregato di comunicarlo personalmente al Dott. Brissa Nazzareno entro 24 ore

Il Segretario Provinciale

Dott. Nazzareno Brissa

Convocazione Assemblea Straordinaria Iscritti FIMMG Vibo Valentia

L’Assemblea straordinaria degli iscritti alla FIMMG di Vibo Valentia è convocata giorno Lunedì 22 Aprile 2013 dalle ore 17.30  presso la sede dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia di Vibo Valentia sita in Viale Affaccio, 217 (Palazzo Agorà) per comunicazioni urgenti del Segretario Provinciale. Si prega di partecipare in maniera massiva.

Il Segretario Provinciale

Dott. Nazzareno Brissa

COMUNICATO STAMPA IN RISPOSTA A TRASMISSIONE “PRESA DIRETTA” su RAI TRE

Pubblichiamo per opportuna conoscenza comunicato stampa inviato dal nostro Oridne Professionale agli organi di stampa:

Il consiglio direttivo dell’Ordine ha  avuto notizia che nella trasmissione televisiva Presa Diretta andata in onda il 23 Marzo u.s. avente per oggetto lo stato della Sanità  nella Regione Calabria, si è fatto riferimento oltre ai casi di malasanità, avvenuti negli anni 2007 e 2008, con  il decesso delle mai compiante e giovanissime Federica Monteleone ed Eva Ruscio, anche all’inerzia e all’immobilismo  nella gestione sanitaria nella nostra Azienda Sanitaria.

Dopo avere visionato il video è seguita una approfondita discussione nella quale, i consiglieri hanno evidenziato come il servizio giornalistico, oltre ad essere  anacronistico sia stato superficiale e di parte, sia nella denuncia che nel  messaggio comunicativo.

Infatti nel dibattito ampio e articolato tenutosi nella sede dell’Ordine si è è evidenziato  che,sebbene siano condivisibili  molte delle  criticità espresse   nel servizio giornalistico, di contro nelle  interviste riprese e rilasciate nel servizio, le tematiche sanitarie siano state prive di un approfondimento sia sotto il profilo di politica sanitaria quanto di gestione della sanità vibonese, anche per il mancato coinvolgimento delle figure istituzionali -quale tra l’altro  l’Ordine dei Medici- e le Associazioni di volontariato e le Associazioni a difesa dei diritti del malato.

Oltretutto lo stesso servizio ci è parso  molto settario e di promozione di ruoli e  di strutture e con affermazioni lesive della dignità e professionalità dei medici operanti nella nostra azienda sanitaria.

Riguardo alle denunce e al rilievo delle criticità i Consiglieri hanno evidenziato, come le stesse siano alla continua attenzione di  quest’Ordine , che in questi ultimi  anni con maggiore insistenza  ha messo in evidenza, enumerando  le numerose problematiche che affliggono la sanità vibonese e che sinteticamente sono state anche espresse nell’intervista rilasciata al QUOTIDIANO DELLA CALABRIA, dal Presidente dell’Ordine Provinciale Fr. Antonino Maglia nel Dicembre   2012.

 In questa  intervista  il Presidente dell’Ordine ha tra l’altro rilevato il grave rischio clinico esistente in questa Azienda Sanitaria, sia per i  medici e gli operatori sanitari che in essa vi operano sia  per i cittadini che ad essa si rivolgono .

Il grave rischio clinico è rappresentato appunto dalle precarie condizioni strutturali dei P.O. , dal deficit strumentale e tecnologico e anche da una disarticolata organizzazione e dalla precarietà delle risorse umane.

 Oltre alla denuncia sulle criticità presenti,  l’Ordine dei Medici in tutte le sedi e le circostanze ha costantemente evidenziato, che per sanare questa precarietà e ridurre il rischio clinico, rapportandolo a quello medio nazionale, dove comunque i casi di malasanità sono presenti anche nelle cosiddette  regioni virtuose, ha  individuato nella realizzazione  del nuovo Ospedale, il punto di partenza per  una sanità più efficace ed efficiente  sia sotto l’aspetto dell’affidabilità clinica, mediante una  struttura ospedaliera dotata delle idonee e adeguate strumentazioni e tecnologie quanto anche sotto l’aspetto organizzativo , assistenziale e  alberghiero.

A tal fine sotto l’egida dell’Ordine dei Medici si è costituito un comitato Pro Ospedale nuovo aperto alla partecipazione e al sostegno delle istituzioni e di tutti i cittadini che vi vogliono aderire, per sollecitare gli organi governativi  nazionali e regionali alla realizzazione dell’importante nosocomio in tempi certi e rapidi.

 Riguardo invece al contenuto delle interviste rilasciate nel servizio giornalistico, i Consiglieri dell’Ordine dei medici hanno manifestato notevoli perplessità, contrarietà e  disappunto per  alcune delle  affermazioni  gratuite, relativamente alla mancanza di professionalità in questa Azienda Sanitaria.

E’ oramai luogo comune in questa Azienda Sanitaria per alcuni opinion leader fare di tutta l’erba un fascio;  nel caso specifico non avere la capacità di distinguere le precarie condizioni strutturali e tecnologiche presenti in questa Azienda da quella che invece è l’assistenza sanitaria, espletata con grande spirito solidaristico, dagli operatori sanitari -medici, infermieri, operatori assistenziali e dei servizi.

E noto a tutti come a fronte di un elevato rischio clinico, e come a fronte di situazioni ambientali insoddisfacenti la maggior parte de gli operatori sanitari, ottemperi al proprio ruolo di cura e di assistenza con abnegazione e impegno.

Riguardo alla specifica asserzione di mancanza di professionalità, come superficialmente asserito nell’intervista, con probabile riferimento alla classe medica operante in tutti i presidi ospedalieri di questa azienda sanitaria i Consiglieri ritengono che solo chi abbia livore o poco acume possa fare queste affermazioni o asserzioni, impunemente, dal momento che la classe medica vibonese per unanime riconoscimento anche da parte di istituzioni e associazioni sanitarie di livello nazionale non ha nulla da invidiare, nè tantomeno si pone a livelli inferiori rispetto ai colleghi operanti nel resto dell’Italia.

I Consiglieri ordinistici ritengono infatti che non vi è alcuna referenzialità nella valutazione professionale dei nostri medici operanti i sia nelle strutture ospedaliere pubbliche e private, che nei centri specialistici e negli ambulatori di Medicina Generale o nelle postazioni di Guardia Medica; in tutti questi ambiti a prestare indefessamente il loro servizio vi sono stimatissimi professionisti conosciuti da ogni cittadino di questa Provincia sia relativamente ai loro curricula professionali sia alle loro doti  umanitarie.

A conclusione del dibattito molto partecipato i Consiglieri dell’Ordine, pur nel risentimento dovuto alle affermazioni gratuite e fuorvianti , anche se mitigate dalla comprensione umana verso  chi è stato profondamente provato nei propri affetti, rivolgono ai mass media, alle istituzioni politiche e sociali, un invito a ricercare insieme e congiuntamente le soluzioni più ottimali per una sanità più equa, efficace efficiente e di qualità e intraprendere insieme un cammino di fiducia e alleanza fra operatori sanitari e cittadini, che sia foriero  di una nuova cultura sanitaria nella nostra provincia.

Il Presidente Dott. Antonino Maglia