Iscriviti alla Newsletter

gennaio: 2010
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Archivi del mese: gennaio 2010

Incontro Presidente FNOMCeO e Direttore INPS

Cari colleghi,

ritengo opportuno informarVi del fatto che in data 14 gennaio ho incontrato, con una delegazione del Comitato Centrale, il direttore generale dell’INPS, relativamente alle problematiche connesse con le certificazioni mediche.

In primo luogo sono stati presi in considerazione i problemi relativi alla certificazione telematica per l’invalidità civile. Continua a leggere

Fimmg, chiarire sui certificati o partirà protesta

“Un incontro urgente sulle nuove norme per la certificazione di malattia dei dipendenti pubblici”, ancora oggi “non chiare”, “altrimenti dovremo prendere in considerazione l’ipotesi di dichiarare lo stato di agitazione di tutta la categoria

E’ la richiesta del segretario generale della Federazione italiana dei medici di famiglia (Fimmg), Giacomo Milillo, ai ministri Renato Brunetta della Funzione Pubblica, Ferruccio Fazio della Salute e Maurizio Sacconi del Lavoro, e al presidente e commissario Inps Antonio Mastrapasqua. A loro Milillo ha inviato ieri una lettera per “esprimere la preoccupazione della Fimmg sulle nuove norme”. A preoccupare i medici soprattutto la parte della normativa in cui si prevede che i certificati non possono riferirsi a ‘dati clinici non direttamente constatati né oggettivamente documentati’. “Ciò vuol dire – spiega Milillo – che il medico di famiglia non potrà redigere il certificato ad un suo paziente, con il quale ha un rapporto fiduciario, che si presentasse in serata per giustificare l’assenza dal lavoro il giorno stesso per banali patologie come mal di testa o febbre”.

Per questo la Fimmg chiede, in particolare, “l’emanazione di un atto ufficiale che riconosca il sintomo soggettivo come ‘dato clinico direttamente constatato’ e ribadiamo ancora una volta la necessità di introdurre l’autocertificazione per periodi brevi di malattia”. La Fimmg, ricorda Milillo, in questi ultimi anni si è caratterizzata come associazione “propositiva e molto aperta a sostenere i percorsi innovativi del Servizio sanitario nazionale”, dice il leader dei medici di famiglia. “Ma in questo caso dobbiamo mettere in guardia tutta la categoria dai gravi pericoli che ogni medico potrebbe trovarsi ad affrontare se passassero le norme così come sono, non tanto nella forma quanto piuttosto nell’interpretazione quotidiana di alcuni aspetti applicativi del decreto Brunetta”. E non solo per l’impossibilità di riferirsi sempre a ‘dati clinici non direttamente constatati né oggettivamente documentati’, ma anche per “lo sproporzionato e irrituale regime sanzionatorio previsto per il medico in caso di inadempienze o errori anche involontari, che lo indurrebbe ad atteggiamenti inappropriatamente difensivi”.

Leggi lettera di Milillo agli Iscritti

Consegna PIN per certificazione INPS – Aggiornamento

Si avvisano tutti gli iscritti che in seguito all’esperienza di consegna dei primi Codici PIN a nostri iscritti, il Funzionario Informatico INPS, per motivi logistici e di consulenza, ritiene opportuno ricevere tutti  gli altri medici direttamente presso la sede INPS di Vibo Valentia. A tal fine, per  facilitare l’accesso allo sportello ha inserito ulteriori giorni a quelli previsti in precedenza.

Per il ritiro del codice PIN ci si potrà, dunque, recare presso la “Postazione PEC” dell’INPS, allo scopo dedicata , nei giorni e negli orari sotto indicati:

Lunedì, Mercoledì, Giovedì e Venerdì dalle ore 10.00 alle ore 11,30

Martedì dalle ore 16,00 alle ore 18,00

Certificati di invalidità civile

FIMMG Vibo NEWS del 08/01/2010

a cura del Dott. Giuseppe Borello

 

Certificati di invalidità civile: sedi periferiche INPS autorizzate ad accettare temporaneamente e in via eccezionale certificati in forma cartacea.

In seguito ad un colloquio diretto con il Presidente e Commissario straordinario dell’INPS, dott. Antonio Mastrapasqua, richiesto ed ottenuto con urgenza dalla Fimmg, confermiamo che l’INPS nazionale ha inviato alle sedi periferiche una circolare che le autorizza ad accettare in forma cartacea i certificati di invalidità in casi eccezionali, quali vanno sicuramente considerati il mancato funzionamento del sito INPS o i lunghi tempi necessari per l’acquisizione del PIN da parte dei medici interessati.

Giacomo Milillo