Iscriviti alla Newsletter

marzo: 2009
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Archivi del mese: marzo 2009

Medici di famiglia “a scuola”

FIMMG: con appropriatezza efficacia e risparmio

Medici di famiglia a ‘scuola’ per migliorare la capacità di prescrivere, nel modo più appropriato, i farmaci giusti per la cura del paziente. E dare una mano, così, anche alle casse del Servizio sanitario nazionale, perché un cittadino ben curato avrà meno necessità di assistenza in futuro

Partono da questi presupposti i corsi di formazione , dedicati alle malattie cardiovascolari, in particolare alla prescrizione dei farmaci anti colesterolo, promossi dalla Federazione italiana dei medici di medicina generale (Fimmg) che li ha presentati ieri a Roma. Il ‘pacchetto’ di appuntamenti formativi destinati ai medici di famiglia è ricco: due corsi nazionali si sono già tenuti nella capitale, dove altri due partono domani, con la partecipazione di docenti altamente qualificati: medici di famiglia, specialisti, economisti. Seguiranno un centinaio di corsi in 88 Asl sul territorio. E questa volta come docenti ci saranno gli ‘allievi’ dei corsi nazionali affiancati dai dirigenti del settore farmaceutico delle Asl. “Il nostro progetto – spiega Giacomo Milillo, segretario nazionale Fimmg – dimostra la volontà di dare risposte concrete, in collaborazione con le istituzioni, a bisogni concreti. Siamo convinti sostenitori dell’appropriatezza prescrittiva del farmaco che non vuol dire, però, solo tagli e risparmi. La nostra filosofia è: il farmaco giusto, al paziente giusto, nel tempo giusto, senza condizionamenti. Non ci sottraiamo al confronto con il contesto economico. Anzi. Crediamo fortemente che il paziente, curato meglio fa risparmiare l’intero sistema”. Oggi, lamenta Milillo, il ruolo del medico di famiglia troppo frequentemente è limitato al momento della prescrizione. “E questo – dice – perché il costo-beneficio del farmaco non viene fatto sulla base di una visione globale e di efficacia sul campo ma sulla spesa, in base ad un tetto prestabilito che, ovviamente, non tiene conto degli effetti, che possono anche essere negativi oltre che quelli auspicabili positivi”. Il farmaco e l’autonomia nel prescriverlo “non vanno valutati solo in termini di costi come adesso avviene, ma di quello che producono sul benessere dei cittadini, sulla riduzione dei ricoveri e anche dei decessi. In molti casi risparmiare oggi cento euro, è la convinzione della Fimmg, potrebbe significare spenderne molti di più domani”. Come dimostra anche l’indagine, realizzata con economisti sanitari su 15 mila pazienti con malattie cardiovascolari, secondo la quale, con prescrizioni ad hoc di farmaci anticolesterolo il Ssn potrebbe risparmiare oltre 3 miliardi l’anno, a partire dal 2010.

Allarme obesità

Caro Collega,
come sai l’obesità è un problema di salute pubblica che sta assumendo dimensioni allarmanti a livello mondiale. In Italia i dati ISTAT, pubblicati nel 2007 e riferiti all’anno 2005, evidenziano che più di un terzo della popolazione (34,2%) è in sovrappeso ed il 9,8% è obeso.
Sebbene, lo Studio del Medico di Medicina Generale possa rappresentare la sede privilegiata per un intervento di prevenzione e gestione del paziente in sovrappeso/obeso, pochi sono i modelli di pratica clinica sull’efficacia degli interventi di gestione del peso in medicina generale.
Al fine di conoscere la percezione e la dimensione del problema nell’ambito dei nostri ambulatori e quali strumenti potrebbero essere utili per ottimizzare la presa in cura dei pazienti in sovrappeso e obesi è stata realizzata una breve Survey (Questionario). Grazie alla valutazione dei risultati è stato elaborato un vero e proprio Progetto denominato S.A.F.E. (Stile di vita – Alimentazione – Farmaco – Esercizio Fisico), cioè un percorso diagnostico-terapeutico in MG con i relativi strumenti di intervento:

  • Algoritmo diagnostico-terapeutico
  • Manuale di approfondimento dell’algoritmo
  • Manuale per il paziente “Perdere peso con il tuo medico”

Progetto visitabile nel Sito FIMMG-Alimentazione all’indirizzo: http://old.fimmg.org/alimentazione/safe/index.html

Convegno

Convegno: “Medicina Generale: Quale Futuro?”

Sabato 4 Aprile 2009 – Centro Agroalimentare – Lamezia Terme (CZ)

Si invitano i Colleghi interessati a partecipare al convegno a ritirare il seguente invito presso l’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Vibo Valentia

Proposta ASP

 

Comunicazione informativa “Proposta Sottosistema Informatico -Anagrafe Assistiti” da parte della Dott.ssa Santaguida Rosa:

IRAP

Informiamo gli iscritti che la FIMMG VV mette a disposizione con modalità che saranno direttamente spiegate agli iscritti, un avvocato che può, per chi lo richiede, attivare i ricorsi irap ; ricorsi che e’ assolutamente utile fare per la concreta possibilità di avere i rimborsi degli ultimi quattro anni….  per ulteriori informazioni rivolgersi al tesoriere della FIMMG Vibo Valentia collega ALBERTO BURELLO
 tel 0963 254278 —- cell 339 3102504

Vi allego anche una ulteriore sentenza recentissima:
12.03.2009 not free

Commissione Tributaria Regionale – Napoli – (anche il medico di base con collaboratore ha diritto al rimborso IRAP)
 § -ha diritto al rimborso IRAP il contribuente che svolga attività di “medico di base”, ossia di medico convenzionato con l’ASL per l’assistenza di medicina generica agli assistiti: si tratta, infatti, di un’attività professionale parasubordinata, caratterizzata da una collaborazione coordinata e continuativa e, quindi, rientrante proprio in quei casi di esenzione riconosciuti dalla stessa Agenzia delle Entrate.
 L’utilizzo di uno studio ove ricevere gli assistiti e dei mezzi strumentali indispensabili per l’esercizio di detta professione, con l’apporto di un solo collaboratore, non possono certamente andare a modificare la natura del rapporto professionale convenzionato, né costituire quell’autonoma organizzazione che giustificherebbe l’imposizione IRAP.

 Saluti
 Giuseppe Borello

Ordine Medici e FIMMG

 Vibo: Ordine Medici e FIMMG studiano nuovo percorso
Tavolo comune tra Ordine dei medici, Azienda sanitaria provinciale e Fimmg per discutere ed elaborare una più avanzata strategia utile per assicurare un nuovo e più concreto rapporto tra Asp e medici di base, avente come obiettivo preminente una migliore e più adeguata assistenza e cura dell’ammalato. Iniziativa che ha conosciuto la totale adesione dei presenti.

Continua a leggere